Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
GIN — 106 — COG

fìol d’un citi, ed è modo onesto d’imprecare altrui.

Cinana, sf. cemmamella, cemmanella.

Cincinarse, vnp. appillottarsi, — far sedile di botte.

Cioci, agg. e sm. carino, ciocino, ciocio, fonfone.

Ciocheta, sf. si. t. de’ cacciatori: beccaccino maggiore, coccolone — scolopax maìor.

Ciodame, sm, agutame, chiavagione, chiodagione, chiodame.

Cioder, sm, chiodaiuolo, chiovaiuolo.

Cioderia, sf. chioderia.

Ciodin, sm. agutello, chiodetto, chiovello.

Ciodo, sm. chiodo, chiovo; met. debito; ciodo de rame, dorone; — senza testa, tozzett’o senza cappello; seco come un. ciodo, magro, o secco arrovellato, o strinato, — secco come un chiodo; cavar dodi, sconficcarli: — „Sconficca questo chiodo che qualcuno non ci avesse a montar sopra e farsi male;“ ficar dodi, met. far de’ chiodi, — mettere un chiodo; dir, ó far roba de dodi, affibbiare bottoni senza occhielli, — dire, o fare cose, o roba da chiodi, — lavare il capo co’ ciottoli; magnar anca dodi de Cristo, met. consumare la rocca Tarpèa, — dar fondo, ad ima nave di sughero.

Cior, tor, ®a. comperare; pigliare, prendere; togliere; cior con una zerta violenza, carpire; àndar, o mandar cior, andare, o mandare pel, o per, o per il: — „El xe andà cior el dolor, = E’ andato pel medico futi la voi e nissun no la ciol, e’ la ragazza dalle belle ciglia, tutti la vogliono e nessuno la piglia.

Ciosoto, sm. chiozzoto.

Ciosso, sm. zi. anatra penelope, bibbio, fischione, marigiana — anas penelope.

Cirica, sf. cherica, chierica, tonsura.

Cisbo, agg. bercilocchio, bercio, cecoziente, strabista.

Cista (esser) m. avv. ardere, essere brullo, — 1 essere bruciato di danari, — non ne aver uno che dica due, — soffiare nel borsellino.

Ciuciada, sf. succhiamento, succhiata, succiata; beuta, bevuta, tracannata.

Ciuciar, ciuciolar, va. succhiare, succiare.

Ciucio, agg e sm. napoletano, siciliano; met. cerboneca.

Ciuciolo, sm. poppatoio.

Ciucion, sm. beone, cioncatore; gran succhiata.

Cius, agg. balordo, bonaccio, bonario, ingenuo, sempliciotto, stolido, zugo.

Clampa, sf. zoccolo.

Ciapa, sf. brigata, compagnia, comitiva, crocchio, drapello, frotta, smannata, torma; ciapa de gente armada, stuolo; esser de quei de la ciapa, essere amico degli amici; in ciapa, m. avv. in accolta.

Clarineto, sm. clarinetto, clarino.

Classificar, va. classare, classificare.

Ciocia, sf. zi. chioccia; ciocia de savon, bolla di sapone; — che fa l’aqua in tera quando che piovi, o quando che la boi, bolla, sonaglio; — ne le sale, nei teatri, lumiera; star soto la ciocia, met. attenersi alla colombaia; star sotto la mamma.

Clociada, sf. chiocciata.

Clociar, va. e vn. chiocciare.

Co, avv. allorché, qualora, quando, quandoché; Coca, sf. bucherella; zi. cocca, gallina.

Cocal, sf, zi, alcione, gabbiano, mugnaio — Jarus canus.

Cocalina, sf. zi. colombina, starna cenerina, starna minuta — larus cinereus minor.

Cocarda, sf. coccarda, festello, nappa.

Cocia, sf. t. de’ pescatori: strascino.

Cocodech, sm. v. imitativa lo schiamazzar delle galline: coccobè, coccodè.

Cocodril, sm. zi. coccodrillo, coccodrilo (Berni); lagrime de cocodril, met. le lagrime del coccodrillo, che