Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CUL — 132 — CUR

essere accivito, — tirar diciaotto, o tirar diciaotto con tre dadi; aver in cui, met. m. basso, avere in tasca; aver sul cui, met. avere stilla groppa, o sul groppone: — „Ha quarant’anni sul groppone e fa delle scioccherie peggio d’un giovinetto;“ impinir el cui, met. pascere alcuno; imbottire ad uno il -giubberello; onzer, o scalciar el cui, sculacciare; cior, o tor per el cui, met. dare il giambo, — far Calandrino uno, — mettere in ludibrio, prendersi ludibrio; lecar el cui, met. far de’ baciabassi, — baciare il manipolo, — piaggiare; mandar cior in cui, met. mandare in quel paese; tirar el cui indrio, met. recalcitrare — non ne voler sulla giubba, o sul groppone, — rifiutarsi, tirarsi in dietro; no tirarse col cui indrio, met. essere da bosco e da riviera, o da barda e da sella, — essere uno cui non crocchia il ferro; andar col ctd per aria -- nel senso di andare a gambe levate: andare all’aria; e nel senso dr andare in rovina, che si dice pure: esser col cui in tera-, battere il culo sul lastrone, — essere ito, o rovinato, — essere la candela al verde; andar zo el cui, met. scemare la grassa; dar un pie in tei cui, met. dare il riposo del Calenzuoli, — dare un piè nel culo; rizever a piade nel cui, pigliare uno a calci, o a calci nel sedere; spizar el cui, met. venire in fregola; menar el cui caminando, culeggiare, e dei cavalli: andare groppoIone; pelarselo, o poderselo pelar sul cui, met. ficcarsela, o ficcarsela dietro via, o dietro a t;asa, — appettarselo, o appettarselo dietro via, — stopparsi una cosa; basar el ad a la veda, met, piantare un melo; muso de cui, met. muso di castrato; chi parla mal de mi me parla drio ’l cui, prov. chi mi dice mal dietro, me lo dice al culo; mezo ano el cui fa scagno, prov. di mezz’anno il cui fa da scanno; cior el buso del cid per una piaga, met. m. basso, prendere un sonaglio per un’anguinaia; no bisogna far la scoreza più granda del buso del cui, prov. bisogna fare il peto secondo il buco, — chi vuol fare lo stronzolo più grande del buco mette le lagrime agli occhi, — bisogna aprire la bocca secondo i bocconi, — bisogna fare i passi secondo le gambe, — bisogna fare le spese secondo l’entrate, — bisogna tagliare secondo il panno; morto mi go in cui chi resta, m. prov. morto io, morto il mondo, — morto io vada il mondo in carbonata; no passar un ago nel cui, v. ago; spelar ’ che l’aqua vegni al cui, o tochi ’l cui, v. aqua; lutar col cui par aria, v. aria; cui de bicer, v. bicer; viver col cui nel bombaso, v. bombaso; esser cui e camisa, la camisa no ghe foca ’l cui, e no ver camisa sul cui, v, camisa; co ’1 capo xe de la mia go in cui i sbiri, v. capo; co le copie se se forbì ’l cui, v. copia.

Culabria, sf. v. bassa e talvolta scherzevole: culo, sedere.

Culata, sf. chiappa, natica; poet. clune.

Culatada, sf. culata: — „Go ciapà una culatada = Ho preso una culata !“ Culatar, va. acculattare, culattare.

Culazo, sm. culaccio, — culo badiale.

Culeto, sm. culetto; zi. codibianco, culbianco, massaiuola — motacilla oenanthe; t. de’ ceraiuòli: culaccino; culeto de pan, cantuccio, od orliccio di pane.

Cultrina, sf. cortina; cultrina del leto, cortinaggio; guarnir de coltrine, accortinare.

Cuna, sf. culla; poet. cuna; met. ruota: — „A Trieste è da anni che hanno abolito la ruota;“ cuna de venchi, zana.

Cunada, sf. cullata.

Cunar, va. cullare, — far la culla: — „Quel bambino non vuò finir di strillare Emilia, fategli un pò la culla.“

Cunin, sm coniglio; cunin giovine, conigliolo; cunin picolo, conigliuzzo; logo dove che se tien le raze dei cunini, conigliera, conigliere, coniglieria.

Cuor, sm. lo stesso che cor.

Cupin, sm. lo stesso che copìn.

Curar, va. curare; mangiare; medicare; mondare; sbaccellare; apprezzare, stimare.