Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DIS — 150 — DIS

Distacà, agg. spaniate; spiccato; staccato; libero; distacado con forza, divelto, divulso.

Distacabile, agg. staccabile.

Distacadura, sf. distaccamento, distaccanza, distaccatura, staccamento.

Distacar, va: distaccare; spaniare; spiccare; staccare.

Distanza, sf. distanza; star a rispetosa distanza, stare, o trarsi a una rispettosa distanza; tignir a rispetosa distanza, tener, o tenersi alcuno a una rispettosa distanza.

Distemperar, va distemperare, distemprare, stemperare; liquefare

Distender, va. distendere, stendere; vnp. diffondersi spargersi; allungarsi, allargarsi, spiegare; distender la tenduda, m. degli uccellatori: spaniare.

Distesser, va. distessere, stessere, — disfare il tessuto.

Distilador, sm. distillatore; distillatoio, distillatorio.

Distilar, va. distillare.

Distilazion,-sf. distillazione.

Distin, sm. destino; del destin no se ghe scampa, prov. chi ha rompere il collo, trova la scala, o la strada al buio, — quando s’ha rompere il collo si trova la scala, — chi ha da morir di forca può ballare sul fiume.

Distinguer, vn. disce’rnere, disferenziare, distinguere.

Distinzion, sf. distinzione; far distinzion, fare distinzione, — fare, o porre differenza; senza distinzion, senza distinzione, — indifferentemente, senza differenza.

Distirà, agg. disteso, sdraiato; star distirà su la schena, giacere, o stare supino; — su la panza, giacere, o stare boccone.

Distirada, sf. sdraiata; stiratura; met. crepata, morte.

Distirar, va. allargare; allungare; distendere; stirare; spiegare; stendere; spianare: — „Emma, spianate voi oggi la pasta per le tagliatelle, ve ne saprò grado;“ met. porre, o posare uno sulle lastre: — „Il lottatore lo pose sulle lastre al primo assalto vnp. sdraiarsi; distirar lafiaca, met. crogiolarsi, oziare; distirar i crochi, met. dare la capata, tirare l’aiuolo, o il calzino; distirar le carte in man quando che se zoga, sfogliare le carte.

Distolier, va. distogliere, e per sincope: distorre.

Distopar, va. distoppare; sturare.

Distortolar, va. e vn. distorcere, scontorcere, storcere.

Distra'car, vn. riposare.

Distrar, vn. distraere, distraggere, distrarre; frastornare; diviare, storre, svagare.

Distraton, -agg. e sm. sbadatissimo, distrattissimo.

Distrazion, sf. distrazione; diviamento, svagamento.

Distretual, agg. e sm. distrettuale.

Distribuir, va. distribuire, compartire; disporre, ordinare.

Distributor, sm. distribuitore, distributore.

Distribuzion, sf. distribuzione.

Distrigada, sf. sbrogliata; sgomberata; mangiata, scorpacciata.

Distrigar, va. sbrigare; spicciare; sgomberare; strigare; districare; distrigare; stricare; distrigarse de qualchedun, dare, o porre il lembo, o il lembuccio in mano chi che sia, — dargli le pere.

Distropada, sf. schiusa.

Distropar, va. sturare, schiudere.

Distruger, vn. distruggere; consumare, logorare; dilapidare; fondere, spargere; digerire, smaltire.

Distruto, sm. strutto.

Distrutor, sm. distruggitore.

Distruzion, sf. distruzione; aver el spirito de distruzion, avere lo spirito della distruzione.

Distudada, sf. spegnimento, spenta.

Distudar, va. spegnere, spengere; estinguere; distudar el farai, met. vuotare il boccale, o il fiasco.

Disturbala, sf. disturbo.

Disturbador, sf. sturbatore.

Dtsturbar, va. e vn. disturbare; frastornare; vnp. incomodarsi, prendersi fastidio. .

Disubidiente, agg. disobbediente.