Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
DIS — 149 — DIS

— „ Luzia ga disperso. = Lucia s’è sconciata.“

Dispetazo, sm. dispettaccio.

Dispetin, sm. dispettino, dispettuzzo.

Dispetinar, va. arruffare, scarmigliare, schiomare, spettinare.

Dispeto, sm. dispetto; poet. dispitto; per dispeto, m. avv. a marcio dispetto, per dispetto; e andar via per dispeto — vittuarie, animali, oggetti qualsiasi: andare a ruba, o andare come il pepe, — vendere a bocca baciata.

Dispetosazo, agg. dispettosaccio.

Dispetoseto, agg. dispettosello, dispettosino.

Dispetoso, agg. dispettoso; altero, spregiante; bruto dispetoso, m. famigliare: brutto e dispettoso.

Dispetuzo, sm. dispettuccio.

Dispiantar, va. sbarbicare, svellere; diradicare, spiantare.

Dispiàser, vn. accorare, dispiacere, — essere, o rimanere dolente, — provar rammarico; dispiàser nel cor, met. dispiacere insino al cuore, — andare il sangue a catinelle; se no te, o se no ghe dispiasi, m. famigliare: non ti, o non le dispiaccia; no dispiàser, non essere discaro.

Dispiazente, agg. afflitto, dispiacente, grullo.

Dispiàzèr, sm. dispiacere; chi no ghe ne ga — fioi — ga un dispiazer solo, m. prov. chi non ne ha, ha un dispiacere solo.

Dispiazereto, sm. dispiaceruccio.

Dispiazevole, agg. spiacevole.

Dispicar, va. dispiccare; spiccare, staccare.

Dispiegar, va. dispiegare, distendere, spiegare.

Dispiombar, m. spiombare.

Dispirar, va. sfilare: — ,.Mi si è sfilato l’ago;“ slacciare, sfibbiare: — „Abbi la bontà, ti prego, slacciami il busto.“

Dispoiada, sf. dispogliamelo, spogliata.

Dispoiar, va. denudare, dispogliare. spogliare, svestire; chi che se vesti de la roba dei altri presto se dispoia, prov. chi de’ panni altrui si veste, presto si spoglia, — chi dell’altrui si veste, ben gli sta, ma tosto gli esce.

Dispolverar, va. spolverare.

Disponer, e dispor, va. disporre“.

Dispontar, va. spuntare. ’ Disposente, agg. impotente.

Disposizion, sf. disposizione; attitudine, inclinazione, natura; opportunità.

Disposto, agg. additto, disposto, inclinato, proclive.

Dispretar, va. spretare.

Disprezador, sm. disprezzatore.

Disprezar, vn. dispregiare, disprezzare, spregiare, sprezzare, — avere, o tenere in dispregio.

Disprezo, sm. dispregio, disprezzo, sprezzo; disprezzo ingiurioso: disprezzata; disprezzo congiunto a biasimo, per lo più in pena di azioni sommamente vili: ignominia.

Dispulisar, va. spulciare.

Disputar, va. disputare.

Disquilibrar, va. e vn. disequilibrare.

Disruzinir, va. srugginire.

Dissetar, va. dissellare.

Dissepelir, «a. dissepellire; dissepelir un cadavere, esumare un cadavere.

Dissepelimento, sm. disseppellimento; t. leg. e med. disumazione.

Dissestar, va. disordinare, pregiudicare, sconcertare.

Dissigilar, va. dissiggillare, dissuggellare.

Dissimulador, sm. dissimulatore.

Dissimular, va. dissimulare, simulare.

Dissipador, sm. dilapidatore, dissipatore, prodigo, scialacquatore.

Dissipar, vn. dissipare, fondere, scialacquare, sprecare.

Dissomiliante, agg. dissimigliante, dissomigliante.

Dissomilianza, sf. dissimiglianza, dissomiglianza.

Dissoterar, va. disotterrare, dissotterrare.

Disuader, va. dissuadere, distor--. re, — trar di capo, o di mente.

Distabarar, va. stabarrare.