Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
FRE — 182 — FRU
le freccie; cocca — la tacca della freccia nella quale entra la corda dell’arco.

Frezada, sf. frecciata.

Fricar, vn. corbellare, corbeltare, cuculiare; gabbare, ingannare, truffare.

Frigna sf. bietolone, pecorone, piagnolone, piagnoloso.

Fritaia, sf. frittata; met. ficattola, frittata: — Sedette inavvedutamente sul cilindro del signor Bello; figuratevi che ficattola ne fece!“ fritaia de un solo ovo, frittata di un foglio; fritaia rognosa, frittata con gli zoccoli, o rognosa; far la f ritaia, met. far la frittata; sconciarsi.

Fritaiada, sf. frittata; scorpacciata di frittata.

Fritaiaza, sf. frittataccia.

Fritaieta, sf. frittatina, frittatino, frittatuccia.

Fritaion, sm. frittatona, frittatone.

Fritola, sf. frittella; ciacole no fa fritole, v. ciacola.

Fritolada, sf. scorpacciata di frittelle

Fritoler, sm. frittellaio.

Fritoleta, sf. frittelletta, frittellina.

Fritolin, fritulin, sm. friggitore, frittellino.

Fritura, sf. frittura — e vale per tutta la corata d’agnello — e simili — e per pesci fritti; fritura de zervél, de latisini, de fleti, frittura bianca.

Frituraza, sf. fritturaccia.

Friul, sm. Friuli; in Friul, nel Friuli.

Friza, sf. cicciolo, fricciolo, sicciolo, lardingo; cagar le frize.jnet. m. basso, cacare, o sputare le lische dopo aver mangiato i pesci, — cacare i stoppini dopo aver mangiato le candele.

Frizer, ra. e vn. fare in padella, friggere; sfriggolare, sfrizzolare: — friggendosi i pesci sfriggolano in padella;“ sm. friggìo: — „ Sento un friggìo in cucina; friggono forse il pesce?“ esser frito, me’. essere fritto essere bell’e fritto; lassar frizer uno nel suo grasso, met. lasciare bollire uno nel suo brodo, o nel suo lardo; vate far frizer, inter. va a farti friggere — si dice per adonestare qualche altra maniera di mandare in quel paese chi ci molesta — è Yabi in malarn crucerà dei latini.

Frizion, sf. med. fregagione, frizione.

Froladura, sf. frollamento; frollatura.

Frantal, agg. e sm. frontale.

Frontar, va. affrontare; frontare; puntellare.

Fronte, sf. fronte; de fronte, m. avv. a fronte, alla fronte, di fronte; a fronte alto, tn. avv a fronte alto, o scoperto; arte di riconoscere l’indole di ciascuno dalle linee della sua fronte: metoposcopia.

Frontin, sm. tettino: — berrette con o senza tettino?“

Frontina, sf. fronticina.

Frontispizio, sm. frontespizio; el frontispizio xe bel, o xe bon, met. il frontespizio salva il palazzo.

Frugada, sf. consumazione, logoramento.

Frugador, sm. consumatore, logoràtore.

Frugar, va. e vn. adoperare; consumare; logorare; usare.

Frugo, sm. consumo, logoro, uso.

Frulin, sm. frullino.

Frustagno, sm. frustagno, fustagno.

Frustada, sf. logorata, strusciata.

Frustin, sm. frustino, scudiscio.

Frutar, vn. fruttare, fruttificare; rendere.

Frutariol, sm, fruttaiolo, fruttaiuolo, fruttivendolo.

Fruter, sm. frutticello, albero da frutto.

Fruto, sm. frutto; pi. i frutti, le frutta, e le frutte, — il fruttarne; frutto che indurisce il suo involucro sull’albèro, come la noce, la nocciuola,. ecc.: frutto carpòlito; frutta d’albero che cascano a terra da sè: frutta eolatìe; sbater i fruti zo dei alberi, abbacchiare, o abbattacchiare le frutta; fruto boìioriro, frutto precoce; fruto tardivo, frutto seròtine, o seròtino;