Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/237

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LUS — 236— LUZ

dere; sm. lucicchio: — „Cossa xe quel luser la in fondo. = Che cos’è quel lucicchio là in fondo.“— „El luser de le arme. = Il lucicchìo delle armi.“

Lusingada, sf. lusingamento.

Lusingador, sm. lusingatore.

Lusingar, va. accileccare, adescare, aescare, lusingare; lusingar se, vnp. lusingarsi, e per sim. fare come il cavallo del Ciolle, che si pasceva di ragionamenti.

Lusor, sm. bagliore, lucentezza, lucicchìo; lampaneggio.

Lusso, sm. lusso; lusso che no se poi dir, met. lusso asiatico; esser lusso, met. essere gala: --- „Sarebbe gala se venisse alle dieci.“

Lustrada, sf. lustramento, politura, pulitura; acconciatura, attilatura

Lustrador, sm. lustratore.

Lusiradura, sf. lustratura.

Lustrar, va. lustrare; met. attilare; tornar a lustrar, rilustrare.

Lustrini, smp. bisanti, bisantini, lustrini.

Lustrastivai, sm. lustrascarpe, e più c munemente: lustrino.

Lustro, agg. fulgente, fulgido, luccicante, lucido, lustro, risplendente; terso; attilato, azzimato, lindo; met. abbruciato di denari; lustro del ocw, acquitrino; — del pano, spera; lustro come ’l spedo, fulgido, splendente, terso; esser lustro, met. aver alzato il gomito, o il fiasco, essere alticcio, o cotticcio: — „Ha dato una mano a travasare il vino; ora è cotticelo;“ rilucere il pelo: — • “Gli riluce il pelo ora che ha tutte le contentezze.“

Lutaran, agg. e sm. luterano. -Luto, sm. bruno, cilicio, corrotto, gramaglia, lutto; luto profondo’, bruno grave; mezo luto, bruno leggero, o mezzo bruno; luto che se porta sul hrazo, sopraggirello; meter el, o in luto, abbrunare: — „ Tuta là parentà se ga messo in luto,“ = Tutta la parentà s’ è abbrunata.“

Lutoro, sm. utero; di utero, appartenente all’utero: uterino: — „Infiammazione uterina.“

Luvigi, nome proprio di persona, idiotismo: Luigi.

Luzerna, sf. zi. cappone, gallinella, lucerna, perlone — trigla hirundo.

Lùzia, nome proprio di persona: Lucia; che santa Luzia me sorbi — basso modo d’affermare: eh’ io assaetti, — eh’ i’ arrucoli, o arruzzoli.

Luzido, agg. lucido.

Luzodemar, sm. zi. sfirena comune — sphgraena vulgaris.