Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/358

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
EIC — 357 — EIF

Ricordo, sm. ricordo; a ricordo, a ricordanza: — „Cose non successe a ricordanza d’uomo.“

Ricorer, va. ricorrere, — indirizzarsi, o rifuggire ad uno.

Ricoverar, va. ricoverare, ricovrare; vnp. ricoverarsi, rifuggire, ripararsi.

Ricrear, va. ricreare, ricriare.

Ricreazion, sf. passatempo, recreazione, ricreazione, ricriazione, svago

Ricuperar, va. e vn. recuperare, riacquistare, ricuperare.

Ricusar, va. ricusare, rifiutare.

Ricusidura, sf. ricucitura.

Ridaciar, va, ridacchiare

Ridacion, agg. riditore ridone, risanciano, risancione.

Ridada, sf. ridata, risata; petar la ridada, ridere; petar ima de gitele ridade, ridere sgangheratamente.

Rider, va. arridere; ridere; beffare, burlare, schernire; sm. riso — pi. i risi e il. riso; riso smoderatoe beffardo: cacchino; rider fintamente e a cuor contrario, non passar dal gozzo in giù; — con gran sussuro, o con sconceza, ridere squaccheratamente; — come mati, o sciopar de rider, met. sbracarsi dalle risa, — ridere sbracatamele, — ridere a crepapelle, o a più non posso, o smascellarsi dal ridere, — ridere smoderatamente; — senza saver perchè, ridere agli angeli; — perchè i altri ridi, ridere a credenza: — soto i bafi, met. ridere sotto i baffi, o ridere sotto le basette; — farse rider, met. dar da ridere, — farsi mettere in beffa, — farsi scorgere; bufarla in rider, met. mandarla in canzonella; ti voi rider ? met. vuo’ sentirne una bella? o ne vuoi sentire una marchiana ?; scarpe o stivai che ridi, met. scarpe, o stivali che fanno le boccaccie; el rider fa bon sangue, prov. il riso fa buon sangue, — il riso fa cuore, — ogni volta che uno ride leva un chiodo alla bara; ridi ben chi ridi l’ultimo, prov. ride bene chi l’ide l’ultimo; el tropo rider vien fora de la boca dei mati, v. boca; la molie del ladro no ridi sempre, v. ladro; chi ridi de venerdi pianzi de domenica, e dopo el rider vien el pianzer, v. pianzer.

Ridicolo, agg. ridicolo; esser ridicolo, parere una bertuccia in zoccoli; meter in ridicolo, m. avv. mettere in canzone, o mettere in canzonella.

Ridir, va. ridire; raccontare, riferire, rapportare; replicare, ripetere; trovar de ridir su tufo, apporre alle Pandette, — trovar da ridire sul padrenostro.“

Ridur, va. ridurre.

Riduzar, va. sorridere; sogghignare.

Riduzion, sf. riducimento, riduzione-; diminuzione, scemamento.

Riepilogar, va. repilogare, riepilogare.

Rifa, sf. picca, puntiglio, riffa; de rifa, m. avv. a gara; di riffa; o de rifa o de rafa, o a dritto o a traverso, — o di ruffi o di raffi.

Riferir, va. rapportare, ridire, riferire.

Rifilada, sf. raffilatura.

Rifilado, agg. affilato, raffilato; naso rifilado, viso rifilado, ecc. naso affilato, ecc.

Rifilar, va. raffilare; rifilar un pugno, una sberla, ecc. abbriccare, appiccare, appioppare, appoggiare, appostare, assestare, inzeppare, piantare un pugno,- ecc

Riflesion, sf. reflessione, riflessione.

Rifleso, sm, riflesso; riflesso degli specchi, dei metalli tersi — e simili: baleno.

Rifleter, vn. considerare, ponderare, riflettere: — ^Ponderate, vi dico, ponderate bene;“ ribattere, riflettere, rimandare, ripercuotere; — „ Quello specchio ripercuote i raggi del sole.“

Rifonder, va. rifondere, rimborsare.

Riformar, va. riformare, riordinare; emendare, correggere.

Rifredor, sm. lo stesso che rafredor.

Rifudar, va. ricusare, rifiutare, rigettare; deporre, lasciare, rinunziare; rifudar un eredità, un legato, rifiu-