Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/444

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
STO — 443 — STE

— ctcipenser sfurio; storione cobice — acipenser Naccarii.

Stornar, va. e vn. distornare, distorre, stornare, volgere.

Stornei, sm. zi. stornello, storno — sturnus vulgaris; met. capo sventato instabile, leggero, sbadato, volubile.

Stornimento, sm. accapacciamento, aceapacciatura, sbalordimento, stordimento; capogiro, giracapo, vertigine.

Stornir, va,, e vn. accapacciare, frastornare, stornare; sfornir le rece, met. toglier gli orecchi; sfornir tuti, met. assordare una pescaia.

Stórno, agg. accapacciato, intronato, sbalestrato.

Storta, sf. storcimento; storcitura; chini, storta.

Stortisina, sf. stortetta, stortina.

Storto, agg. bilenco, curvo, torte», traverso, sbilenco, storto; sm. cialdone: — „Bottega col gelato portate pure de’ cialdoni; storto in ponta, adunco: — {.Coltello adunco“ — ,,Grli artigli sono adunchi;“ fer storto, m. avv. a schimbesci, a schimbescio, a -sghembo, a traverso: — „Poni a schimbescio quella spranga;“ a sinistro, in sinistro malamente, sinistramente: — „È inutile ci si metta, così tutte gli vanno in sinistro;“ a squarciasacco: — „DavagIi certe occhiate a squarciasacco, ma egli se ne rideva;“ o per drito o fer storto, m. avv. o a dritto o a traverso.

Storzer, va. e vn. attortigliare, contorcere, scontorcere, storcere, torcere; storzer el muso,, o storzer el viso, met. far buzzo, — arricciare le labbra, o il muso, o il naso, — torcere il grifo; storzerse dal dolor, contorcersi dal dolore, — fignolare: — Rigiravano che toglievano il cuore;“ no storzer un cavel, met. non torcere un capello.

Storziménto, sm, storcimento, storcitura.

Strabastar, vn. soprabastare, più che bastare.

Straben, avv. ottimamente, strabene.

Strabenedir, va. ribenedire, soprabbenedire.

Strabever, va. strabere, strabever.e.

Strabiliar, vn. strabiliare, strabilire.

Strabon, agg. più che buono, soprabuono, strabuono.

Stracada, sf. stancamente; ciapar una stracada, pigliare una straccatola.

Stracaganase, sm. moscione, vecchione: — „ Volete vendere per castagne di prima qualità questi vecchioni degni appena d’essere gettati sul mondezzaio ?“

Stracanton, sm. art. e mest. diagonale.

Stracapir, vn. fraintendere. Stra che abondantemente, avv. soprabbondantemente.

Strachebel., agg. soprabello; Stra che bestiai, agg. bestialissimo, soprabbestiale.

Stracheboier, vn soprabbolire, — bollire di soverchio

Stracheciapar, va. soprappìgliare.

Stracheciaro, agg. chiarissimo, sopracchiaro.

Strachecoto, agg. tracotto. Stra che creder, va. arcicredere.

Strachedegno, agg. degnissimo, più che degno, sopraddegno.

Stracheesaltar, va. sopraesaltare.

StraOheflorido, agg. floridissimo, soprafflorido.

Strachefondo, agg. profondissimo, soprapprofondo.

Stracheglorioso, agg. gloriosissimo, sovraglorioso.

Strachelodar, va. soprallodare.

Strachenobile, agg. nobilissimo sopranobile.

Stracheperfeto, agg. perfettissimo, sopraperfetto. Stra che pien, agg. pienissimo, soprappieno

Stracheprezioso, agg. preziosissimo, soprapprezioso.