Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

-62.—

BELBeche, sfp. busse, percosse — v. usata per lo più scherzevolmente.

Becher, sm. beccaio, beccardo, beccaro, macellaio, macellaro.

Becheto, becuz, sm. becchetto: •— „ Guarda quegli uccellini come aprono il becchetto;“ beccuccio: — „Ha rotto il beccuccio all’ampolla;“ beccax*ello: — «Comperano beccarelli e montoni.“

Beco, sm. ariete, montone; becco, besso; becco, rostro; met. bocca; che ga beco, beccuto: — „Gli uccelli sono animali beccuti;“ pele de beco, becchina; bgco in erose, zi. becc’in croce, crociere, crociero — loxìa curvirostra; dar nel beco, imbeccare: — „Gli. uccelli in genere imbeccano i loro piccini;“ guzar el beco, met. mettere il becco, — mettere il becco in molle:.— „Mi pareva di molto che non ci avesse a mettere il becco in molle anche lui;“ no bater beco, o no bater più beco, met. non batter parola, — non battere gli occhi, — non muovere un occhio; senza bater beco, met, senza battere polso -, bagnar el beco, met. immollare il becco; storzer el beco, met. torcere il grifo; beco contento, met, becco agevole, o becco contento; far el beco a V oca, prov. fare il becco all’oca, — e talvolta ci si aggiunge: e le corna al podestà, — fare la cocca al fuso; beco chi rifuda, lo dicono, celiando, i giuocatori in certi giuochi di data; xe meio esser bechi e aver de becar, che no esserlo e no aver de magnar, è meglio esser becco e aver da beccare, che non esserlo e non aver da leccare — prov. creato presumibilmente dà qualche becco agevole; esser beco e bast’onà, v. bastonà.

Becolar, va. e vn, pigliare, ricevere; beccare, bezzicare; met. intingere in una cosa, —0 pizzicare di che si sia: — ,,/tt quel afar no ’l ghe ne becola uno = In quell’affare non ne pizzica uno.“ .

Becon, sm. beccone; beccata.

Bega, sf. bega, briga, dissapore, fastidio,, noia, litigio, seccatura.

Begnamin, agg. e sm. beniamino, cocco, cucco, favorito.

Begònia, sf. bot. begonia.

Beiomini, smp. bot. balsamina, balsamino, begliuomini — impatiens balsamina.

Bel, agg. bello — pi. be’, bei, belli, e dinanzi a vocale: begli, — grazioso, leggiadro, pulcro, venusto; far più bel — in fotografia — adulare; crederse bel, essere un bel cesto; de bela presenza, appariscente; con bela maniera, con bel garbo.; beibelo, m. avv. adagio,, adagio, — pian pianino; esser bela, met.. qssere:bella, essere magica *; averla fata, bela, met. averla buona. --„La ga fata bela andarglielo a contar = L’ha avuta buona a riferirglielo !“ andar co le bele, met. andare colle buone, — andar dolce dolce; o co le bele o co le bride, o spinte o sponte; andar via sul più bel, o impiantar sul più bel, partirsi in sul far del nodo al filo; sul più bel — cadere, guastare, giugnere, venire, ecc. — cadere il presente in sull’uscio, — cader la grandine in:sUl far la raccolta; far le bele, fare il bello bellino, o il bellin bellino; far le bele per interesse, confettare chi si sia; volerghe del bel e del bon, volerci del buono e del bello; farghene de le bele, met. farne di quelle coll’ulivo, -rifarne di solenni; questa saria bela, met. questa sarebbe col manico, — questa sarebbe marchiana; questa xe bela, met. questa è di pezza; meio simpatico che bel, la bellezza senza la grazia è un amo senza l’esca; el bel ghe piasi a tuti, le belle cose piacciono a tutti, — il bello piace a tutti; dopo el bruto vien el bel, provdopo il cattivo ne viene il buono; bel — o bela — in fassa, bruto — o- bruta, — in piaza, bello .— o bella — in fascia, brutto — o brutta — in piazza, — proverbio ch’è inverso; no xe bel quel che xe bel-, xe bel quel che piasi, non è bello quello che è bello, ma quel che piace; tute le bele se fa sempre pregar, tutti i belli si fanno pregare; chi voi esser bela bisogna che sofri, o chi bela voi parer la pele del viso ghe devi dioler, prov. chi bella donna vuol parere- la pelle del viso le convien dolere, —- chi bella non è, e bella vuol parere, pena patisce per