Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

bella parere; chi «assi- bela nassi maridada, prov. beltà porta seco lasuaborsa^ — chi nasce bella, nasce maritata, — chi è bella non è poverella, — chi nasce bella non è in tutto povera.

Beladona, sf. boi. belladonna — atropa belladonna.

Beleza, sf. avvenenza, bellezza; beltà, beltade, beltate, formosità, leggiadria, venustà; la beleza dura poco, o la beleza no ga durada, cosa bella e mortai passa e non dura, — la bellezza è quale un fiore che non è nato ancora è già si muore; bever le beleze, met. bere -l’abbeverato; beleza del asino, o del mus, met. v. asino.

Belin, beloto, agg. appariscente, bellino, bellocchio, belloccio, belluccio.

Belumor, sm. bellumore, bell’umore.

Bemol, sm. t. mus. bemolle, bimolle.

Ben, agg. e sm. bene; smp. beni, possedimenti, possessioni; beni appartenenti al sovrano, alla corona, beni demaniali; andar in ben, andare a bene: — „ Spero che sto afar me andarà in ben. = Spero che quest’affare mi. andrà a bene far per ben, fare a fin di bene; pensar al ben, pensare a bene.: — ,7Chi opera bene, pensa sempre a bene;“ co ben, m. avv. quand’anche, quando anche, quando bene; — „ Go ben ghe perdonassi el andaria lo stesso in preson. = Quand’anche gli perdonassi, andrebbe lo stesso in prigione;“ che Dio ghe dia, o tè dia del ben — formola che usa il popolo per indurre altrui ad acquietarsi a qualche cosa, o per trarlo dalla sua — che ella, o che tu sia santo; esser el ben de Dio, met. esserci abbondanza, copia, dovizia: — „Ogi in;pescarla iera ’l ben de Dio. = Oggi, in pescheria, c’era il pesce a dovizia . volerghe ’l ben de Dio, volerci del bello e del buono, — volerci gli argani; voler ben, amare; voler un ben, amare svisceratamente, — volere un benaccione da balia, e, antifrasticamente: essere amico d’alcuno come il cane del bastone, — volere a quel tale il bene che vuole il cane alle cipolle; voler ben per interesse, aver l’amore del tarlo; che sta ben — detto d’indumento — accostante, che si accosta bene, — che torna, o che torna bene, o che torna una pittura; no lassar aver un momento de ben, non lasciar bene avere; andar ben, andare a vanga, — andare di rondine: — „Può mettersi a fare ciò che vuole, che tutto gli va di rondine finir de star ben, met. e scherz. pigliar moglie, e con più verità, me lo perdonino I signori uomini: pigliar marito; senza far ne ben ne mal, met. senza dire nè motto nè totto: — „ Senza far ne ben ne mal el ghe ga mola una mala sberla. = Senza dir nè motto nè totto gli lasciò andare un ceffone co’ fiocchi; “ far a la va la che ti va ben, fare alla carlona, o alla sbracata, o alla sciammanàta; tornar mal per ben, fare coinè il cavai grasso, che, poiché ha mangiato la biada, dà dei calci al vaglio, — far come l’asino al corbello, o alla secchia; volerli, spender ben — i propri denari — spenderli giustificati; de ben in meio, di bene in meglio, — di buono in diritto; esser stufo de star ben', met. essere venuto a noia il benestare, — dar noia, o puzzare il benestare: — „El ga lassò el posto de maestro per meterse a negoziar in vin !? Se capissi che ’l ieia. stufo de star ben. = Ha lasciato il posto di maestro per mettersi a negoziare in vino !? Si capisce gli dava noia il benestare questo se ciapa, o se guadagna a far del ben, cotal grado ha chi tigna pettina; far ben per la gola, per el peto, per el stomigo, ecc., far buono alla gola, al petto; ecc.; far del ben a chi che no merita, gettar la traggea ai porci; far ben o lassar star, pelle che non puoi vendere non la scorticare; no esser de far del ben, non esserci terreno da por vigna: — „E’ andato in Grecia colla speranza di migliorare la sua sorte; ma anche quello non è terreno da por vigna ben con ben, Dio con bene: — „Se ve comoda ben con ben, se no, santa pazienza. — Se v’accomoda, Dio con bene; se no, santa pazienza sburtar i altri a far del ben e no farghene, essere come le campane, che chiamano gli altri,

{{FineColonna}

}