Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
BEA — 68 — BEA

braghe, prov. chi fa alle capate col muro i corni son suoi, — chi piscia contro il vento si bagna la camicia; conte co le braghe onte, met. conte che non conta, — conte disunto, — conte senza contea.

Bragagna, sf. t. de’ pescatori: degagna.

Bragaze, sf. calzonacci: — „Un par di calzonacci tutti rattoppati;“ calzoncini: — „Porta certi calzoncini larghi larghi, che è un ridere.“

Braghessante, smf. braGaiuolo.

Braghesse, sf. brachesse, calzoni.

Braghete, sf. calzoncini: — „La signora Amalia ha messo in calzoncini il suo Eugenio;“ calzonucci: - „Quel pover’uomo porta certi calzonucci tribolati che fa pietà.“

Braghier, sm. brachiere, braghiere.

Bragolo, sm. t. mar, bracollo.

Bramar, vn. bramare, desiderare; desiderar ardentemente, agognare.

Brancada, sf. brancata, manata; afferramento, aggavignatura, avvincimento; brancicatura.

Brancadina, sf. brancatella, brancatina.

Brancar, va. abbrancare, afferrare, aggavignare, aggrancire, aggrappare, agguantare, ghermire, grancire, pigliare; acciuffare, arrestare; brancar per i cavei, accapigliare; — co le ongie, adugnare, aggrappare; brancar la fortuna, met. acciuffare la fortuna.

Branzin, sm. zi. labrace, — pesce lupo — labrax lupus; branzin de porto, met. corbacchione o cornacchione di campanile, — formicene di sorbo.

Brao, sincope di: bravo; v. “risata quasi esclusivamente quale interiezione: — „ Brao, ti ga ragion /“ — “ Brao furbo !„

Braura, sf. abilità, attitudine, bravezza, bravura, eccellenza, idoneità, perizia, valentìa; accorgimento, destrezza; prodezza, valore; bela braura bella forza — belle forze ! Bravada, sf bravacciata, bravata, bravazzata, braveria, millanteria, rodomontata, smargiassata, smargiasseria, spacconata, spampanata, tagliata.

Bravazo, sm. ammazzasette, bravaccio, bravaccione, bravazzo, bravazzone, smargiasso, spaccamontagne, sparapani, spezzachiavistelli, spezzacatenacci, tagliacantoni; far el bravazo solo dove che no ghe xe pericolo, avere faccia di leone e cuore di scricciolo, — essere bravo come il lampo, o come la cimice, — can da pagliaio, — far bravate a credenza.

Braveto, agg. bravino.

Bravo, agg. abile; bravo; diligente; esperto; rispettivo: — „ Un orloio de oro co la su brava cadena. = Un orologio d’oro colla rispettiva catena;“ gustoso, saporito: -— „ Un piato de guati co la su brava salatina, = Un piatto di ghiozzi con dell’insalata gustosa;“ severo: — nEl ghe ga da la su brava filada. = Gli fece una severa riprensione;“ acerbo, malaugurato: — „6fhe xe tornà el dolor de testa e el su bravo dolor de denti. = Gli è ritornata l’emicrania e il malaugurato dolor di denti;“ esser bravo de tuto, essere da barda e da sella, — essere da bosco e da riviera; far el bravo, braveggiare, — fare il fantino, — mangiare le lastre; bravo solo a parole, lo stesso che bravazo dove Che no ghe xe pericolo, v. bravazo. ’

Bravura, sf. lo stesso che braura.

Brazadura, sf. bracciatura.

Brazal, sm. bracciale.

Brazaleto, sm. armilla, braccialetto.

Brazeto, sm. braccetto, braccino; bracciatella.

Braziol, sm. t. mar. bracciuolo.

Brazo e brasso, sm. braccio; pi. le braccia, — le estremità superiori; bracciata: — „Butighe al cavai mezo brazo de firn. = Getta al cavallo mezza bracciata di fieno;“ a brazi, m. avv. a braccia; brazo drito, braccio destro, braccio migliore; brazo zanco, braccio sinistro; brazo de la poltrona, bracciolo, bracciuolo; brazo de la sega, capitello, maniglia; aver i brazi incrosai sul peto, avere le braccia conserte; con tuta la forsa del brazo, a pieno braccio; butar de brazo, mar. fare il carro colla vela;