Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
BRI - 70 — BRO

Britolin e britulin, sm. temperino.

Briva, sf. abbrivo; eiapar la brira, pigliare l’abbrivo; de briva, m. avv. d’abbrivo, immantinenti; a scappa e fuggi.

Brivada, sf. abbrivo.

Brivar, va. abbrivare.

Brivido, sm. brivido, brividore; brividìo.

Broca, sf. brocca, bracchino, mesciroba; bulletta; cappellotto; chiavello; rosone; broca de caligher, o de legno, bulletta da imbroccare, bulletta di legno, stecca; broca de tapezier, borchia; broca co la testa de oton, farfalla; broca con do ponte, cocomerino; broca de garofolo, bot. cappelletto, o chiodetto, o chiodo di garofano; broca in qualche arnaso, che segna la misura, brocco; pagar su la broca, met. ha due significati: fare a pesa e paga, — pagare in contanti, — pagare sulla cavezza, o sul tamburo, e: comprare a ^peso d’oro, — costare, salato, o saporito, — costare un occhio; bater le broche, met. battere la diana, — battere le gazzette, — pigliar pispole.

Brocadà, sf. broccàta.

Brocheta, sf. brocchetto, bracchino; bullettina.

Broco (dar nel) m. avv. dar nel die.

Brocon, sm. t. degli armaiuoli: focone, luminello.

Brodaus, sm. brodicchio, brodiglia: — „Oon quest’acquerugiola per la Via dell’Istria c’ è un brodicchio che mai;“ acqua pazza, — broda, broscia, sbroscia: — „Mi tocca a mangiare questa broda, che non la verrebbero i cani.“

Brodeto, sm. brodetto, tocchetto; andar in brodeto, met. andare in brodo di giuggiole,. — -andare in solluchero — - andare in dolcezza, o in visibilio.

Brodo, sm. brodo; chi che %e portò per ’l brodo) brodaio, brodaiuolo; brodo longo, brodo anacquato, — brodo di carrucola; brodo ristreto, brodo corto, o grosso, — stillato: — „ Beghe do cuciari de brodo ristreto e un ovo de sorbir. = Dategli du’ cucchiaiate di -stillato e un uovo da sorbire; ’ brodi longhi, met. dilazioni, lungherie, lungagnole; no me piasi, o no voio brodi longhi, prov. le cose lunghe diventan serpi, — l’indugio piglia vizio; lamentarse del brodo grasso, prov. aver troppo di checchessia, — nicchiare a pan bianco, — dolersi, 0 rammaricarsi di gamba sana, — ruzzare in briglia;-lassar el brodo grasso, met. dar noia il benestare, — il meglio è nemico del bene; galina veda fa bon brodo, met. gallina vecchia fa buon brodo; amor no xe brodo de fasoi, v. amor andar., in brodo de fasoi, lo stesso che andar in brodeto, v. brodeto.

Brodoloso, agg. brodoso; petosto brodoloso, m. avv. brodosino: — „La minestra la preferisco brodosina.“

Bronchite, sf. bronchitide meglio che bronchite.

Brontolamento, sm borbottamento; brontolìo; brontolamento nei budei, gorgogliamento, sboglientamento; t. med. borborigmo, borborismo.

Brontolar, va. bofonchiare, borbottare, brontolare, bufonchiare; brontolar dei budei, bruire, — gorgogliare le budella, o il corpo.

Brontolon, agg. brontolone, brontoloso, borbottone, mormoratore, susurratore.

Bronza, sf. brace, bràcia, bracie, bragia, brascia, carbon di foco, o di fuoco; far bronze, abbraciare; bronza del lume, moccolaia, smoccolatura; bronze — nel senso di qualche brage che si coprono con carbone per rifare il fuoco: avviatura; bronza coverta, met. acqua cheta, gattone, soppiattone; esser su le bronze, met. stare in su la fune, — essere sulle spine, — struggersi; diventar come una bronza, o come una bronza de fogo, arrossire, — diventar di fuoco; cascar de la gradela su le bronze, prov. cadere dalla padella nelle brage; chi sufia ne le bronze se impinissi 1 od de zenere, loc. prov. chi soffia nella polvere se n’empie gli occhi.

Bronzo, sm. tizzo di carbone.

Bronco, sm. bronzo; de bronzo, bronzeo, èneo: — „A Torino si ammira l’ènea statua del generale Lamarmora.“