Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CAS - 96 — CAS

— poniam figura; esser, o no esser in caso, o al caso, de poder far qualcossa, essere, o non essere in grado di fare che che sia, — stare, o non istare in uno di fare quella tal cosa; in caso disperà, a caso disperato, — a caso perso; in caso de guera ogni arma xe bona, prov. ogni acqua spegne ih fuoco, — in caso, di guerra ogni cavallo ha soldo, — a tempo di bisogno pan vecciato.

Casona, sf. casone.

Casotin, sf. casottino. Casoto, sm. casotto; met. abituro, catapecchia, stamberga, topaia, tugurio; casoto de buratini, castello; — 7ie useladori, eapannuccio; — de pastori, capanna; de guardia — de’ soldati, stradieri, ecc.: garetta, > guardiola;— per riparar i alveari, arniaio.

Caspita, inter. capperi, cappiterina, caspita, caspiteretta, caspitterina, cospettonaccio —- e simili.

Cassa, sf. cassa; met. petto; torace; chi che fa casse, cassaio; cassa de tesseri, cannàio; —de la pasta parfil pan,- madia; — del. Orloio de muro, guardacorda; — de morto, feretro; cassa — nel senso di que’ denari che si mettono da parte partita per partita in ciascuna giocata, e co’ quali poi, a fin di stagione, si suol fare un pranzo, o una céna, fra tutti i giuocatori: pentolino; bater la gran cassa, met. batter, o sonar la cassa; far cassa, met. far borsone, — far gonnella; pagar per cassa, pagare in sull’aia, — pagare per cassa, o in contanti; tocar la cassa, manomettere la . cassa; aver tocada la cassa, met. essere affetto da tisi; non aver la cassa de — si nomina un uomo generalmente conosciuto per danaroso: non. averci l a cava: — „Aro go miga la cassa del bar’ùn Morpurgo. = Non ci ho mica la cava io.“ .... > Càssaro, sm. t. mar. cassero, casso.

Casseta, sf. cassetta, cassina; cassettata: — „El marangon. ga porta ima casseta de busie. = - Il legnaiuolo ha portato una cassettata di trucioli;“ casseta dei ordegni, art. e mest. bugnolo; — de le lemosine, ceppo; — de la carbonina, braciaio; — de le ape, alveare, arnia, bugno; — de le scovaze, cassetta delle spazzature; — de quei che vendi torno per le strade, bottega a vento, botteghina.

Cassetaza, sf. cassettaccia.

Cassetin, cassitin, sm. cassetto; trovar co le man in cassitin, trovare alla cassetta: — „Lo ga.lizenzià su do pie perchè lo ga trovà co le man in cassitin. = Lo ha licenziato su due piedi perchè lo trovò colle mani alla cassetta.“

Cassia, sf. cassia; cassia in cana, cassiain bocciuoli; cassia in polpa, cassia mondata, o tratta, ^— fior di. cassia.

Cassier, sm. cassiere, tesoriere; el gran cassier de un stato, arcitesoriere.

Casson, sm. cassone; casson de la malta, truogolo; quella specie di mezzo cassone apposto esteriormente alle finestre dei monasteri di. monache — ed anche delle prigioni — per cui le persone che si trovano rinchiuse non possono vedere in istrada: botola; meter in casson, o nel casson, met. abbuiare che si sia: — „ L’afar de quela trufaria. el xe sta messo in casson. = L’affare di quella truffaria l’hanno abbuiato.“ . Cassonzin, sm. cassoncello, cassoncino, cassonetto.

Castagna, sf. castagna; color castagna, castagnino, castagno, castagnolo, castagnuolo; che tira al color casfogna, castagniccio; castagna rosta, bruciata; -— lessada co la scorza, ballotta, balogia, succiola; — lessada senza la scorza;, tigliata; —• lessada e fata secar, anserò’; pan .de castagne, castagnaccio; farghe ’l taio a le castagne, castrare, o intaccare le castagne; la castagnd bela de fora dentro là magagna, prov. bella in vista, dentro è trista, — come la castagna, bella di fuori e dentro è la magagna. .

Castagneta, sf. castagnetta, castagnuzza.

Castagnola, sf. castagnola; t: mar. cocinello.

Castel, sm. castello — pi. i castelli e le castella — rocca; Castel ri<-vinà, castellare: — „ Siamo stati a