Pagina:Don Chisciotte (Gamba-Ambrosoli) Vol.1.djvu/247

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xxiv. 229

da paterna affezione. Arrivò il tempo di mia partenza; parlai una notte con Lucinda; le feci sapere l’avvenuto, rendendone informato anche suo padre, e supplicandolo che non accasasse sua figlia finchè io non avessi veduto quello che Ricardo di me disponeva. Egli me lo promise, e ne ebbi da lei la conferma tra mille giuramenti, e tra svenimenti ed affanni per la nostra separazione. Passai appresso il duca, il quale mi accolse e mi trattò sì onorevolmente che fin d’allora cominciai ad essere invidiato, sembrando ai vecchi suoi dipendenti che potessero tornare a loro discapito i benefizii dei quali egli mi ricolmava. Ma quegli che mostrò più di ogn’altro affezione alla mia persona fu il secondogenito del duca per nome Fernando, giovane di buon garbo, gentile, di sentimenti liberali ed innamorato, il quale in poco tempo mi si palesò tanto amico che dicevano tutti che l’affetto per me del fratello maggiore, benchè fosse grande e manifesto, non poteva