Pagina:Don Chisciotte (Gamba-Ambrosoli) Vol.1.djvu/366

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
348 don chisciotte

cose a fidarmi di te la certezza, che se Camilla vacillasse nella sua virtù, saprai lealmente astenerti dall’approfittare della sua debolezza, e il mio onore non riceverà alcuna macchia. Se brami pertanto che io viva una vita veramente degna di questo nome, ti accingerai senza indugio colla diligenza e colla lealtà che di te mi prometto, alla battaglia che ti propongo„.

“Questo fu il tenore del ragionamento che Anselmo fece a Lotario, il quale prestò attenzione sì intensa che se non fosse scritto ciò che rispose, sarebbesi detto che non aprì mai bocca. Vedendo però che Anselmo avea terminato di parlare, dopo essere stato buon tempo guardandolo, come se mirasse cosa a lui sconosciuta, e per cui gliene derivassero ammirazione e spavento, gli disse: — Io mi fo a credere, amico Anselmo, che tutto questo tu me l’abbi detto per burla; chè altrimenti non ti avrei permesso di proseguire, poichè col non darti orecchio non saresti andato tanto innanzi col tuo lungo discorso. E quasi mi pare, o che tu non conosci me, o che da me tu non sei conosciuto: ma ciò veramente non è, sapendo io benissimo che tu sei Anselmo, come tu sai che io sono Lotario. Ma di questo sventuratamente mi accorgo che tu non sei l’Anselmo di prima, e ch’io non sono più tenuto da te quell’amico ch’io sono; tali cose dicesti e richiedesti da me! Perchè i buoni hanno da mettere alla prova i loro amici e servirsi di loro, come disse un Gentile usque ad aras, volendo con ciò inferire che non si debba far uso della loro opera in cose che offendano la giustizia. Che se portò siffatta opinione dell’amicizia un Gentile, quanto più essa non dee prevalere in un cristiano, il quale sa che l’amicizia divina debb’essere anteposta alla umana qualunque essa sia? E quand’anche l’amico andasse tant’oltre da preferire gl’interessi del suo amico ai riguardi verso il cielo, ciò non ha da essere per cose lievi e di poco momento, ma solo quando si tratti dell’onore e della vita dell’amico suo. Ora dimmi, Anselmo: quale di queste cose hai tu in pericolo ch’io debba, per compiacerti, imprender opera sì detestabile come quella che mi comandi? Tu adesso mi chiedi, a quanto mi sembra, che io metta ogni premura e sollecitudine a farti perdere onore e vita perdendo la mia nel tempo medesimo; essendo di tutta evidenza ch’io ti levo la vita nel porre ogni mio studio per involarti l’onore, perchè l’uomo privo di questo è peggio che morto: e divenendo io lo strumento, come tu vuoi che io sia, di tanto tuo danno, non vengo forse a restare disonorato e quindi uomo senza vita? Ascolta, amico Anselmo, e non interrompermi finchè abbia terminato di dirti tutto ciò che mi si affaccia alla mente sopra il tuo desiderio, e resterà poi tempo a te di replicare ed a me di