Pagina:Don Chisciotte (Gamba-Ambrosoli) Vol.1.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

FregioChishiotte.jpg





CAPITOLO III.



Del gentil modo con cui don Chisciotte fu armato cavaliere.



TT

ravagliato da questo pensiero accelerò il fine della scarsa cena che quella taverna gli avea somministrata; poi chiamato a sè l’oste, si chiuse con lui nella stalla, ed ivi buttandosegli ginocchioni dinanzi gli disse: “Non mi leverò mai di qua, o valoroso cavaliere, se prima io non ottenga dalla vostra cortesia un dono che mi fo ardito a chiedervi, il quale ridonderà a gloria vostra ed a vantaggio del genere umano„. L’oste, che vide l’ospite a’ piedi suoi, e udì questa fanfaluca, stavasene confuso guardandolo senza saper che fare o che dirgli; nè mai per pregar che facesse ottenne che si rizzasse, finchè non gli ebbe promesso di fare quanto gli chiederebbe. “Meno attendermi non dovea dalla vostra magnificenza, o mio signore, riprese don Chisciotte; ed ora vi dico che il dono che intendo di chiedervi, e che già mi vien conceduto dalla liberalità vostra, si è che domani mattina mi abbiate ad armar cavaliere. Questa notte io veglierò l’arme nella chiesetta di questo vostro castello; e domani mattina, come ho detto, darem compimento a quello che tanto desidero, affinchè mi sia lecito scorrere le quattro parti del mondo, cercando avventure in