Pagina:Doni, Anton Francesco – I marmi, Vol. I, 1928 – BEIC 1814190.djvu/255

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ragionamenti arguti 249


Barone. D’altra amicizia non si parla stasera adunque?

Vittorio. Se non fosse si tardi, vi mostrerei una certa sorte d’amici inavvertenti che fanno peggio talvolta che i nimici. Oh che amici ignoranti! Con una parola rovinano una famiglia, con un sospetto, imaginato da goffi senza avvertenza, mettono al fondo un amico.

Barone. Son difficili costoro a conoscergli?

Vittorio. Difficilissimi; perché l’inavvertenza è un male che nasce da scempiezza e credulitá di credersi d’esser sagace, astuto e conoscere il pelo nell’uovo.

Agnolo. Io fuggirei di pigliar si fatte amistá.

Vittorio. Il piú difficil passo che sia al mondo e la piú fallace dottrina che s’impari è il credersi d’esser dotto nello squadrare le brigate: tal pare una mucia che è un serpente velenoso, un altro pare Orlando ed è una pecora. Chi fa professione di sapere piú che non sa, crede che l’uno e l’altro finga o che vadino alla reale né sa discernere l’esito del lor procedere, perché i fatti del mondo son piú diversi che le foglie e piú volubili e ciascuna azione tien del camaleonte: il proverbio che dice: «E’ si va per piú strade a Roma», è perfetto.

Barone. Io non mi fiderei mai d’uomo.

Vittorio. Bisogna andare a sotterrarsi, chi fa cotesto pensiero: noi siamo al mondo e bisogna viverci come porta l’uso del mondo: di questo sturatevene gli orecchi, ché l’è cosí e cosí ha da andare, mentre che egli sta in piedi; e chi piú ci vive è l’ingannato: basta, che non c’è uovo che non guazzi.

Agnolo. Dio mi guardi adunque d’amici inavvertenti.

Vittorio. Da’ doppi ancóra, da’ bilingui, da’ tristi.

Barone. Credo che bisogni gettare il ghiaccio tondo e dire: «Dio ci liberi dal male», come dice il Paternostro, e non ci lasci ancor noi far male ad altri.

Vittorio. Il meglio fia certo pregarlo che ci cavi del cuore i cattivi pensieri e che ancóra agli altri gli cancelli.

Agnolo. Amen.