Pagina:Doni, Anton Francesco – I marmi, Vol. II, 1928 – BEIC 1814755.djvu/187

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
182 i marmi - parte quarta


che i figliuoli nati di legittimo adulterio non fussero eredi de’ ben paterni. Quando il grand’oratore Eschine andò fuor d’Atene e si condusse in Rodi, non disse mai cosa con tanto spirito quanto che egli fece le persuasioni, a persuadere a quei di Rodi che s’amogliassero e lasciassero quel modo pazzo di mancepparsi. Nella republica, soli coloro che avevan donna avevano nella republica offizii. Dice Cicerone, in una sua familiare lettera, che Marco Porzio non volle acconsentire che ’l Rufo avesse un certo offizio nella republica, e questo era per non aver moglie. Quando la donna è virtuosa e l’uomo virtuoso, oh che felice matrimonio! oh che bene allevati figliuoli! oh che pace mirabile e quiete di casa!

Vendicativo. Penso, s’io non m’inganno, che il numero sia infinito di coloro che sono cani e gatte in casa, e quei che vivon come tu di’, si potrebbon contar con il naso.

Tempo. Non è ora che io alleghi o vi dica chi sta bene o male, amogliato; affermerò veramente, per quello che io ho veduto, che dove è un marito e una moglie d’intelletto e virtuosi, che in quella casa v’è il paradiso.

Vendicativo. E, per il contrario, credo che vi sia l’inferno, e la soma del matrimonio mi pare un de’ maggior carichi che possa avere un uomo: se la femina è rea, l’uomo ha un diavol per casa; se egli è perverso, ella n’ha mille; se tutti due son bestie, ignoranti, gaglioffi e pazzi, non è pena si bestiale né tormento si terribile quanto abitare in lor compagnia, n’è vero?

Tempo. Pur troppo. Ma, risolvendo questo primo cerchio che del continuo gira, dico che le leggi furon diverse circa questo maritarsi. Foroneo, nella legge che egli diede agli egizii, volle che sotto gran legami l’uomo dovesse tôr donna, e se non la toglieva, non potesse aver nella republica offizii, perché non sa governar republiche, diceva egli, chi non sa governar casa. Solone, nella legge che egli diede agli ateniesi, persuadé loro che volontariamente togliessin donna; però, ai capitani che governavano la guerra, comandò che la togliessero per forza; mostrando che gli uomini che si danno in preda