Pagina:Due novelle aggiunte in un codice del MCCCCXXXVII.djvu/42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22

tutte le donne erano savie, che morendo di fame sempre mostravano essere satolle; e io ti dico, che le sono tutte matte, salvo che la tua donna, che avendo fame ed essendo da Giovanni invitata, come savia, non rifiutò lo ’nvito. E detto questo si uscì di casa, e con lenti passi, e donnescamente, nella sua casa si ritornò.

Il fornaio che non intese il motto della donna, e della presta partita di lei maravigliavasi, nella camera se n’andò, dove ignudo Giovanni nel letto colla sua moglie trovò che si sollazzavano, e già cavalcato avea tre miglia sulla ronzina di sant’Agnolo in Vado1.

Se il fornaio fu dolente, ciascuno di voi sel puote pensare; ma Giovanni molto più di lui, dolendosi che molti anni con grandissimo desiderio seguita l’avea, e per lei tutto il suo consumato; ed ora in camera tenendola, la

  1. Borgo della provincia di Pesaro, nominato per ischerzo del nome del fornaio.