Pagina:Dumas - Il tulipano nero, 1851.djvu/329

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

315

dere il mestolo in mano. Gli messe giudizio facendolo guardare filialmente a vista.

— E gli stiede bene a quella buona lana.

— Quanto il basto all’asino, dicono i nostri Toscani.....

In questo momento si sentì battere alla porta di camera dei due forestieri; e Cecchino andato ad aprire, comparve sulla porta una figura mezzana, piuttosto rotonda per la sua carnosità, col viso paffuto e rubicondo, naso piuttosto grosso brinoccoluto a mezzo, e labbra tumide e colorite.

— Entrate, signor Van Halen, gli disse Antonio; siate il benvenuto.

Van Halen con tutta la semplicità propria di un Olandese si avanzò salutando con un cenno di testa e si pose a sedere tra i due fiorentini.


III


Un moderato di buona fede.


— Come vanno le cose di questo mondo? lo interpellò Antonio.

— Discretamente bene, rispose l’Olandese.

— Pel commercio, s’intende bene, interruppe Cecchino.

— Quando va bene il commercio e l’industria, rispose gravemente Van Halen, tutto il resto è accessorio.

— Dunque, rispose il giovine fiorentino, in uno Stato basta che vada bene il commercio, perchè tutto sia di sodisfazione di tutti.