Pagina:Elogio della pazzia.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
172 elogio

comparire strano ed ignorante, che saggio ed arrabbiato. Omero, il quale da per tutto loda moltissimo il suo Telemaco, non lascia però di chiamarlo diverse volte stolto fanciullo; e i tragici danno volentieri ai giovani l’epiteto di stolto e d’imprudente, come un epiteto di buon augurio. Qual è l’argomento della divina Iliade? Non sono forse i furori e le pazzie dei re e de’ popoli? Cicerone non l’ha mai pensata così bene per me, come quando ha detto: Ogni cosa è piena di pazzia. Ora voi certamente converrete che quanto più un bene è esteso tanto più è eccellente.

Ma i citati autori faranno forse poc’autorità presso i cristiani. Ebbene, appoggerò, se voi il giudicate conveniente, o per esprimermi teologicamente fonderò il mio elogio sulla testimonianza stessa della Sacra Scrittura. Permettetemelo, o signori nostri maestri, io ve lo chiedo umilmente. L’impresa è assai difficile, ed esigerebbe per lo meno una buona invocazione alle muse; ma d’altra parte sarebbe una indiscrezione il far discender per la seconda volta dal monte Elicona queste nove verginelle, giacchè vedete bene che il cammino è molto lungo. D’altra parte la materia che devo trattare non appartiene per nulla ad Apollo. Sarebbe dunque, meglio che, prendendo io a far la teologhessa, e a correre sulle spine teologali, lo spirito di Scoto si degnasse di passare dalla sua Sorbona nell’animo mio. Ah voglia il cielo che questo beato spirito più pungente dell’istrice, e più acuto del porco-spino, infiammi la mia mente! Quando poi avrò finito, se ne voli pure ove più gli aggrada, foss’anche tra i corvi. Piacesse parimente al cielo che mi fosse permesso di cambiare d’aspetto, e di vestire un abito teologale! Temo però una cosa, ed è, che quando mi sentirete