Pagina:Elogio della pazzia.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36 elogio

poichè in virtù di questa esercitano un’assoluta tirannia anche sui più barbari tiranni. Inoltre a qual altro studio mai si consacrano le donne, fuori di quello di piacere agli uomini più che sia possibile? Non è forse questa l’unica mira degli ornamenti, del rossetto, dei bagni, delle acconciature, degli aromi, dell’essenze odorose? Volete vedere più chiaramente essere la sola Pazzia, quella che forma la scendente delle donne sopra gli uomini? Gli uomini accordano tutto alle donne in vista della voluttà, e per conseguenza le donne non dilettano gli uomini se non colla Pazzia. Questa conseguenza non può assolutamente negarsi, se appena si rifletta alle sciocchezze che si dicono, alle pazzie che si fanno presso le donne, quando si brama di estinguere il fuoco d’amore.

Vi ho dunque scoperta la sorgente del primo e sommo piacer della vita. Convengo esservi cert’uni (que’ vecchi principalmente più bevitori che donnajoli), i quali ripongono nelle crapule il supremo piacere. Lascio indecisa la quistione, se vi possa essere un bel convito senza donne. Quello ch’è certo si è, che nessuna mensa può andarci a sangue, se