Pagina:Emma Ivon - quattro milioni, Sommaruga, Roma, 1883.djvu/211

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

quattro milioni 205


potrei dire di avere ancor raccolti degli indizi.

— Vede bene allora, che, da parte mia, sarebbe assolutamente incostituzionale se dovessi prometterle un aiuto d’ufficio, il quale potrebbe approdare a nulla.

— Eh, infine si sa bene che la questura non riesce sempre a scoprire i delitti, per quante indagini e spese essa faccia onde riuscirvi.

— È vero - rispose il questore con un sorriso - ma ella capirà la differenza fra i due casi, senza che io gliela spieghi. Io non dubito che ella sia sincero e che nella sua convinzione esista la certezza che questo misterioso delitto sia stato commesso; ma conprenderà pure che se il questore dovesse prestar mano forte a tutti coloro che gliela vengono a domandare senza dirgli a che scopo, io potrei rinunciare alla mia carica e la città diventerebbe un semenzaio di piccole questure autonome e indipendenti da me.

— Ma se io, poniamo il caso, mi offrissi in qualità di....

— Dica pure.

— Di confidente, di referendario?

— Ah, allora sarebbe un altro paio di maniche! disse il questore, a cui non spiacque certo quella nuova piega che prendeva il dialogo.