Pagina:Eneide (Caro).djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1295-1298] libro ii. 103

1295E di sovr’ogni porta inalberate
Le greche insegne; onde nè via nè speme
Rimanendomi più di darle aita,
Cedei; ripresi il carco, e salsi al monte.


[802-804]