Pagina:Eneide (Caro).djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 l'eneide [195-219]

De’ Coribanti, indi la selva Idea,195
E quel fido silenzio, onde celati
Son quei nostri misteri, e quei leoni
Ch’al carro de la dea son posti al giogo.
Di là dunque veniamo e là vuol Febo
Che si ritorni. Or via seguiamo il fato:200
Plachiamo i venti, e ne la Creta andiamo,
Che non è lunge; e se n’è Giove amico,
Anzi tre dì n’approderemo ai liti.
     Ciò detto, a ciascun dio, come conviensi,
Sacrificando, due gran tori occise:205
E l’un diede a Nettuno e l’altro a Febo:
Una pecora negra a la Tempesta;
Al Sereno una bianca. Era in quei giorni
Fama, che Idomenèo, cretese eroe,
Da la sua patria e da’ paterni regni210
Era scacciato; onde di Creta i liti
D’armi, di duce e di seguaci suoi,
Nostri nimici, in gran parte spogliati,
Stavano a noi senza contesa esposti.
     Tosto d’Ortigia abbandonammo i porti;215
Trapassammo di Naxo i pampinosi
Colli, e Bacco onorammo: i verdi liti
Di Donúsa, e d’Olëaro varcammo:
Giungemmo a Paro, e le sue bianche ripe


[111-126]