Pagina:Eneide (Caro).djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
130 l'eneide [595-619]

Fuggi da loro. I Locri di Narizia645
Qui si posaro; e qui ne’ Salentini
I suoi Cretesi Idomenèo condusse;
Qui Filottete il melibeo campione
La piccioletta sua Petilia eresse.
Fuggili, dico, e quando anco varcato650
Sarai di là ne l’alto lito, intento
A sciorre i voti, di purpureo ammanto
Ti vela il capo, acciò tra i santi fochi,
Mentre i tuoi numi adori, ostile aspetto
Te coi tuoi sacrifici non conturbi:655
E questo rito poi sia castamente
Da te servato e da’ nepoti tuoi.
     Quinci partito, allor che da vicino
Scorgerai la Sicilia, e di Peloro
Ti si discovrirà l’angusta foce,660
Tienti a sinistra, e del sinistro mare
Solca pur via quanto a di lungo intorno
Gira l’isola tutta, e da la destra
Fuggi la terra e l’onde. È fama antica
Che questi or due tra lor disgiunti lochi665
Erano in prima un solo, che per forza
Di tempo, di tempeste e di ruine
(Tanto a cangiar queste terrene cose
Può de’ secoli il corso), un dismembrato


[399-416]