Pagina:Eneide (Caro).djvu/298

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[295-319] libro vi. 257

Indi tra frondi e frondi il color d’oro,295
Che diverso dal verde uscia raggiando,
Di tremulo splendor l’aura percosse.
     Come ne’ boschi al brumal tempo suole
Di vischio un cesto in altrui scorza nato
Spiegar verdi le frondi e gialli i pomi,300
E con le sue radici ai non suoi rami
Abbarbicarsi intorno; così ’l bronco
Era de l’oro avviticchiato a l’elce,
Ond’era surto, e cosí lievi al vento
Crepitando movea l’aurate foglie.305
Tosto che ’l vide Enea, di piglio dielli,
E disïoso, ancor che duro e valido
Gli sembrasse, a la fin lo svelse; e seco
A l’indovina vergine lo trasse.
     Non s’intermise di Miseno in tanto310
Condur l’essequie al suo cenere estremo.
E primamente la gran pira estrutta,
Di pingui tede e di squarciati roveri
V’alzâr cataste: di funeste frondi,
D’atri cipressi ornâr la fronte e i lati,315
E piantâr ne la cima armi e trofei.
Parte di loro al foco, e parte a l’acque,
E parte intorno al freddo corpo intenti,
Chi lo spogliò, chi lo lavò, chi l’unse.

Caro. — 17. [204-219]