Pagina:Eneide (Caro).djvu/299

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
258 l'eneide [320-344]

     Poichè fu pianto, in una ricca bara320
Lo collocaro, e di purpuree vesti
De’ suoi più noti e più graditi arnesi
Gli feron fregi e mostre e monti intorno.
Altri (pietoso e tristo ministero)
Il gran feretro agli omeri addossârsi;325
Altri, com’è de’ più stretti congiunti
Antica usanza, vòlti i vólti indietro,
Tenner le faci e diêr foco a la pira;
E gran copia d’incenso e di liquori
E di cibi e di vasi ancor con essi,330
Sì come è l’uso antico, entro gittârvi.
     Poichè cessâr le fiamme, e ’ncenerissi
Il rogo e ’l corpo; le reliquie e l’ossa
Furon da Corinèo tra le faville
Ricerche e scelte, e di vin puro asperse,335
Poi di sua mano acconciamente in una
Di dorato metallo urna reposte.
Lo stesso Corinèo tre volte intorno
Con un rampollo di felice oliva
Spruzzando di chiar’onda i suoi compagni,340
Li purgò tutti, e ’l vale ultimo disse.
Oltre a ciò, fece Enea per suo sepolcro
Ergere un’alta e sontuosa mole,
E l’armi e ’l remo e la sonora tuba

[220-233]