Pagina:Eneide (Caro).djvu/304

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[445-469] libro vi. 263

Pende canuta barba. Ha gli occhi accesi445
Come di bragia. Ha con un groppo al collo
Appeso un lordo ammanto, e con un palo,
Che gli fa remo, e con la vela regge
L’affumicato legno, onde tragitta
Su l’altra riva ognor la gente morta.450
Vecchio è d’aspetto e d’anni; ma di forze,
Come dio, vigoroso e verde è sempre.
     A questa riva d’ogn’intorno ognora
D’ogni età, d’ogni sesso e d’ogni grado
A schiere si traean l’anime spente,455
E de’ figli anco innanzi a’ padri estinti.
Non tante foglie ne l’estremo autunno
Per le selve cader, non tanti augelli
Si veggon d’alto mar calarsi a terra,
Quando il freddo li caccia ai liti aprichi,460
Quanti eran questi. I primi avanti orando
Chiedean passaggio, e con le sporte mani
Mostravan il disio de l’altra ripa.
Ma ’l severo nocchiero or questi or quelli
Scegliendo o rifiutando, una gran parte465
Lunge tenea dal porto e da l’arena.
     Enea la moltitudine, e ’l tumulto
Meravigliando: Ond’è, vergine, disse,
Questo concorso al fiume? e qual disio

[300-319]