Pagina:Eneide (Caro).djvu/320

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[845-869] libro vi. 279

Là dov’egli ode, essamina, condanna845
E discuopre i peccati che di sopra
Son da le genti o vanamente ascosi
In vita, o non purgati anzi a la morte:
Nè pria di Radamanto esce il precetto,
Che Tesífone è presta ad eseguirlo.850
Ella con l’una man la sferza impugna,
Ne l’altra ha serpi; ed ambe intorno arrosta,
E grida e fere, e de le sue sorelle
Le mostruose ed empie schiere tutte
Al ministerio de’ tormenti invita.855
Apronsi l’esecrate orrende porte
Stridendo intanto. Tu, che quinci vedi
Che faccia è quella che di fuor le guarda,
Pensa qual a veder sia dentro un’Idra
Ancor più fiera aprir cinquanta ingorde860
Rabbiose bocche. Il Tartaro vien dopo;
Una vorago che due volte tanto
Ha di profondo, quanto in su guardando
È da la terra al cielo: e qui ne l’imo
Suo baratro dal fulmine trafitti865
Son gli antichi Titáni al ciel rubelli.
Qui vidi ambi d’Alòo gli orrendi figli,
Che scinder con le mani il cielo osaro,
E tôr lo scettro del suo regno a Giove.

[567-584]