Pagina:Eneide (Caro).djvu/338

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1295-1319] libro vi. 297

D’opime spoglie e quanto agli altri avanza.1295
Quest’è quel generoso, ch’a grand’uopo
Vien di Roma a domare i Peni, i Galli,
E del gallico duce i fregi e l’armi
La terza volta al gran Quirino appende.
     Qui vide Enea ch’un giovinetto a pari1300
Gli si traea, ch’era d’arnesi e d’armi,
E via più di beltà, vago e lucente;
Se non che poco lieta avea la fronte
E chino il viso. Onde rivolto al padre:
E chi, disse, è costui che l’accompagna?1305
Saria de’ figli, o de’ nipoti alcuno
Del gran nostro legnaggio? E che bisbiglio
E che mischia ha d’intorno? O quale e quanto
Di già mi sembra! Ma gli veggio al capo
D’atra notte girar di sopra un nembo.1310
     Anchise lagrimando gli rispose:
Amaro desiderio il cor ti tocca
A voler, figlio, un gran danno, un gran lutto
Udir de’ tuoi. Questi a la luce a pena
Verrà, che ne fia tolto. O dii superni,1315
Troppo parravvi la romana stirpe
Possente allor che in sul fiorir preciso
Ne fia sì vago e sì gentile arbusto.
O che duolo, o che pianto, o che funèbre