Pagina:Eneide (Caro).djvu/398

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[170-194] libro viii. 357

Dato di piglio, incontro a lor si spinse.170
Giunto, gridò da l’argine: O compagni,
Qual fin v’adduce, o qual v’intrica errore
Per così torta e disusata via?
Ov’andate? chi siete? onde venite?
Che ne recate voi? la pace, o l’armi?175
Enea di su la poppa un ramo alzando
Di pacifera oliva: Amici, disse,
Vi siamo, e siam Troiani, e coi Latini
Vostri nimici inimicizia avemo.
Questi superbamente il nostro esiglio180
Perseguitando ne fan guerra ed onta.
Ricorremo ad Evandro. A lui porgete
Da nostra parte, che de’ Teucri alcuni
Son qui venuti condottieri eletti
Per sussidi impetrarne e lega d’arme.185
     Stupì primieramente a sì gran nome
Pallante, indi vèr lui rivolto umile:
Signor, qual che tu sii, scendi e tu stesso
Parla, disse, al mio padre, e nosco alloggia.
E lo prese per mano ed abbracciollo.190
Lasciato il fiume e ne la selva entrati,
Enea dinanzi al re comparve e disse:
     Signor, che di bontà sovr’ogni Greco,
E di fortuna sovr’a me ten vai

[111-127]