Pagina:Eneide (Caro).djvu/401

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Leggiadro, riguardevole ed altero245
Sembrommi Anchise. Un desiderio ardente
Mi prese allor d’offrirmi, e d’esser conto
A quel signore. Il visitai, gli porsi
La destra, ospite il fei, nel mio Fenèo
Meco l’addussi. Ond’ei poscia partendo,250
Un arco, una faretra e molti strali
Di Licia presentommi, e d’oro appresso
Una ricca intessuta sopravesta
Con due freni indorati ch’ancor oggi
Son di Pallante mio: sì che già ferma255
È tra noi quella fede e quella lega
Ch’or ne chiedete. E non fia il sol dimane
Dal balcon d’orïente uscito a pena,
Che le mie genti e i miei sussidi arete.
Intanto a questa festa, che solenne260
Facciamo ogni anno, e tralasciar non lece
(Già che venuti siete amici nostri),
Nosco restate, e come di compagni
Queste mense onorate. Avea ciò detto,
Allor che nuovi cibi e nuove tazze265
Ripor vi fece, e lor tutti nel prato
A seder pose; e sopra tutti Enea,
Di villoso leon disteso un tergo,
Seco al suo desco ed al suo seggio accolse.

[162-178]