Pagina:Eneide (Caro).djvu/407

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
366 l'eneide. [395-419]

Più roggio, a lui che ’l vaporava indarno,395
S’addusse, e lo ghermì; gli fece un nodo
De le sue braccia, e sì la gola e ’l fianco
Gli strinse che scoppiar gli fece il petto,
E schizzar gli occhi; e ’l foco e ’l fiato e l’alma
In un tempo gli estinse. Indi la bocca400
Aprì de l’antro, e la frodata preda,
E del suo frodatore il sozzo corpo
Fuor per un piè ne trasse, a cui d’intorno
Corser le genti a meraviglia ingorde
Di veder gli occhi biechi, il volto atroce,405
L’ispido petto e l’ammorzato foco.
     Da indi in qua questo dì santo ogni anno
Da’ nostri è lietamente celebrato:
E ne sono i Potizii i primi autori,
E i Pinarii ministri. Allor quest’ara,410
Che Massima si disse, e che mai sempre
Massima ne sarà, fu consecrata,
In questo bosco. Or via dunque, figliuoli,
Per celebrar tant’onorata festa,
Coi rami in fronte e con le tazze in mano415
Il commun dio chiamate, e lietamente
L’un con l’altro invitatevi, e beete.
     Ciò detto, il divisato erculeo pioppo
Tesséro altri in ghirlande, altri in festoni,

[258-277]