Pagina:Eneide (Caro).djvu/410

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[470-494] libro viii. 369

Avea, cui s’appoggiava; e ragionando470
Di varie cose, agevolava il calle.
     Enea, meravigliando, in ogni parte
Volgea le luci, desïoso e lieto
Di veder quel paese e di saperne
I siti, i luoghi e le memorie antiche.475
Di che spïando, il primo fondatore
De la romana ròcca in cotal guisa
A dir gli cominciò: Questi contorni
Eran pria selve; e gli abitanti loro
Eran qui nati, ed eran fauni e ninfe,480
E genti che di roveri e di tronchi
Nate, nè di costumi, nè di culto,
Nè di tori accoppiar, nè di por viti,
Nè d’altr’arti, o d’acquisto, o di risparmio
Avean notizia o cura: e ’l vitto loro485
Era di cacciagion, d’erbe e di pomi:
E la lor vita, aspra, innocente e pura.
Saturno il primo fu ch'in queste parti
Venne, dal ciel cacciato, e vi s’ascose.
E quelle rozze genti, che disperse490
Eran per questi monti, insieme accolse
E diè lor leggi: onde il paese poi
Da le latebre sue Lazio nomossi.
Dicon che sotto il suo placido impero

Caro. — 24. [308-324]