Pagina:Eneide (Caro).djvu/559

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
518 l'eneide. [295-319]

Tenea l’aëre intorno, in ordinanza295
Tre volte, armati, a piè la circondaro,
E tre volte a cavallo, in mesta guisa
Ululando, piangendo, e l’armi e ’l suolo
Di lagrime spargendo. Infino al cielo
Penetrâr de le genti e de le tube300
I dolorosi accenti. Altri gridando
Le pire intorno, elmi, corazze e dardi
E ben guernite spade e freni e ruote
Avventaron nel foco, e de’ nemici
Armi d’ogni maniera, arnesi e spoglie;305
Altri i lor propri doni, e degli occisi
Medesmi vi gittâr l’aste infelici,
E gl’infelici scudi, ond’essi invano
S’eran difesi. A le cataste intorno
Molti gran buoi, molti setosi porci,310
Molte fur pecorelle occise ed arse.
A sì mesto spettacolo in sul lito
Stavan altri piangendo, altri osservando
Ciascuno i suoi più cari, infin che ’l foco
Gli consumasse. E questi l’ossa, e quelli315
Le ceneri accogliendo, il giorno tutto
In sì pietoso officio trapassaro:
Nè se ne tolser finchè, spenti i fochi,
Non s’acceser le stelle. In altra parte

[187-203]