Pagina:Eneide (Caro).djvu/592

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1120-1144] libro xi. 551

Sì fugace e sì forte. Or al vantaggio1120
Rinunzia de la fuga e meco a piede
Prendi zuffa del pari; e poi vedrassi
A cui questa ventosa tua bravura
Onore acquisti. A cotal dir Camilla
Di furia, di dolor, di sdegno ardendo1125
Ratto dismonta; e ’l corridor deposto
In man de la compagna, a piè si pianta;
Stringe la spada, imbracciasi lo scudo
E con pari armi intrepida l’attende.
Il giovine, che vinto si credette1130
Aver con quello avviso, incontinente
La groppa le mostrò del suo cavallo,
E via spronando a tutta briglia il pinse.
Ligure vano, vano orgoglio in prima
Ti mosse: or vana astuzia e vana fuga1135
Sarà la tua; chè l’arte del fallace
Tuo padre, e di tua patria, a far non basta
Che vivo da le man mi ti ritolga.
Disse la virgo, e qual da cocca strale
Dietro gli si spiccò: ratto l’aggiunse,1140
Passollo, attraversollo, al fren di piglio
Diedegli; lo ferì, l’ancise alfine.
Così d’un alto sasso agevolmente
Sparvier grifagno al timido colombo

[706-722]