Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

istoria libro iv. 149


voi conservato, di maniera che stando sotto un solo imperadoré godrete di quella quiete che vi togliea la contrarietà de’ partiti. E forse Giove, che fra gU Iddii è il solo imperante, ha voluto a un solo fra gli uomini questo imperio concedere. Tali cose mandò fuori con occhi di fuoco, e voce terribile, fissando in volto atrocemente gli amici di Geta già pallidi e tremanti. E ritornato a palazzo fa incominciare l’uccisione di tutti gli attinenti e dimestici di lui, e di coloro che convivevano seco, non men che degli altri ministri, di modo che non perdonava la vita nemmeno a’ bambini. E quei cadaveri gittati per vilipendio in su’ carretti, si trascinavano fuori di città, e quivi, accatastati, erano senza alcun riguardo scagliati in sul fuoco. E nessuno rimase vivo di quei che avessero avula con Geta la menoma attinenza. Fu fatta man bassa eziandìo de’ gladiatori, de’ cocchieri, degl’istrioni, e per fino di chiunque avesse agli occhi o agli orecchj suoi recato diletto. Cagioni da nulla, e dispregevoli spionaggi, eran sufficienti a far dannare alla morte, per aderenti all’ucciso, quei senatori che di nobiltà o di ricchezze si fossero distinti. Fece morire la sorella istessa di Comodo, già vecchia e da tutti gl’imperadori avuta in quell’onore che si convenìa alla figliuola di Marco, accagionandola di aver pianto presso sua