Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

istoria libro iv. 155


manita una musica di ogni spezie d’istromenti, faceano risuonare le vie di suoni dolci ed armonici. Profumarono l’aria dell’odor degli aromati e di altre squisite spezierìe, illuminarono tutta la città, e da per tutto la fiorirono di fiori per fargli onore.

Entrato che fu Antonino, andette subito a visitare il tempio, ed immolate molte ostie, e sparso molto incenso sugli altari, passò alla sepoltura di Alessandro, ove depositò la porpora imperiale, e i suoi anelli tempestati di preziosissimi gemme, la militare cintura, ed ogni altra cosa preziosa che avea indosso. Tali cose vedendo gli alessandrini, oltrèmodo lieti notte e dì lo festeggiavano, non sapendo qual’odio contro loro covasse in seno. Adoperava egli queste finzioni per aver campo di tagliare a pezzi tutta la popolazione. La cagione di questo occulto odio era tale: gli era stato rapportato al tempo che si trovava in Roma che, vivente il fratello, ed anche dopo la sua morte, aveano gli alessandrini mordacemente inveito contro di lui. E veramente sono essi di natura beffeggiatrice, e pajono fatti apposta per dileggiare e schernire, avendo sempre in bocca delle facezie che scagliano contro i migliori e i più potenti, e che parendo a loro piacevolezze, sono da’ beffeggiati riputate impertinenze. E questi tanto più ne son punti,