Pagina:Esilio - Ada Negri, 1914.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
162 compagni di strada




Tante madri a quest’ora hanno il mio cuore
di pietra, e la mia faccia d’agonia!....
.... Tacciono. Così volle, — e così sia, —
12la Patria, amor che vince ogni altro amore.


O figlio, io ti creai colla mia carne
giovine, io ti nutrii colle mie rosse
vene, e la forza che per te mi mosse
16unica or regge le mie mem1ra scarne.


Arde in te la sostanza di mia vita,
e tu con fibra e fibra ancor t’aggrappi
a me, come nell’ora in cui gli strappi
20del tuo corpo al mio corpo eran ferita.


Porto, grondanti sotto la gramaglia,
le piaghe tue: pur io la testa mozza
rotolare mi sento nella sozza
24terra, ed il sangue fino a Dio si scaglia.