Pagina:Esiodo - Poemi, 1873.djvu/263

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 255 —

Omero.
Salvâr la ratta prora alacri e pronti.
Esiodo.
Poichè giunsero a Colchi, al rege Eeta...
Omero.
Fuggîr: chè inospitale, empio il trovaro.
Esiodo.
Ma bevuto ed emesso il salso umore....
Omero.
Scioglieano l’ali alla veloce antenna.
Esiodo.
Ma esorava la morte a tutti Atride....
Omero.
Non la morte fra l’onde: e lor dicea....
Esiodo.
Cibatevi, stranier, bevete, niuno
Di voi rieda alle patrie amate piagge ....
Omero.
Oltraggiato da me, ma salvo rieda.
Esiodo.
A questo solo or mi rispondi: quanti