Pagina:Esperienze intorno alla generazione degl'insetti.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 ESPERIEN. INT. AGL’INSETTI

reddidit, per humentes campos quaedam nondum perfecta animalia, sed tum primum accipientia spiritum, & ex parte iam formata, ex parte adhuc terrea visuntur. Ed Ovidio nel primo delle trasformazioni.

Sic ubi deseruit madidos septemfluus agros
Nilus, & antiquo sua flumina reddidit alveo,
Aetherioque recens exarsit sidere limus,
Plurima cultores versis animalia glebis
Inveniunt, & in his quaedam modo coepta sub ipsum
Nascendi spatium, quaedam imperfecta, suisque
Trunca vident numeris, & eodem in corpore saepe
Altera pars vivit, rudis est pars altera tellus.
Quippe ubi temperiem sumpsere humorque calorque,
Concipiunt, & ab his oriuntur cuncta duobus.
Cumque sit ignis aquae pugnax, vapor humidus omnes
Res creat, & discors concordia foetibus apta est.

Questa opinione fu secondata da Plutarco nelle questioni conviviali; da Macrobio, che la copiò da Plutarco, ne’ Saturnali; da Plinio, da Eliano e finalmente da una innumerabile schiera di antichi i quali,

Si come nuoce al gregge semplicetto
La scorta sua, quand’ella esce di strada,
Che tutta errando poi convien che vada,

furono seguitati senza pensar più oltre da infiniti scrittori moderni. Di qui è che talvolta meco