Pagina:Favole per i Re d'oggi.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
90 ercole luigi morselli

XLVI.


LA GRATITUDINE


Baciandomi il collo per un quarto d’ora, s’era allegramente ingrassata una tal mignatta. Ora, quando io la strappai e la gettai da un canto, mi gridò con enfasi teatrale: Infame! questa è la tua ricompensa? così mi rendi il bene che t’ho voluto?!... Un’ora fa, tu mi chiamavi a gran voce, e ora che hai goduto il mio bacio interminabile, mi getti come una cosa sudicia!!... Questo insegna la tua morale?!...

Cara mignatta — le diss’io — qui la morale non c’entra: t’ho chiesto un bacio perchè mi doleva la testa: tu me l’hai dato perchè ti piace il sangue. Tu m’hai alleggerito il capo senza volermi bene: io t’ho fatta ingrassare senza amarti.

E siamo pari.