Pagina:Ferrario, Trezzo e il suo castello schizzo storico, 1867.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124

Visconti indirizzava il 22 di marzo, 1383, a Francesco Gonzaga, rilevasi che Giovando insieme con Giovanni da Roma altro medico, fu spedito a Mantova per la cura di Agnese figlia di esso Barnabò e moglie al Gonzaga1.

Antonio da Trezzo. — Cancelliere del duca Francesco Sforza fin dal 1451, ebbe dal medesimo l’onoranza della medaglia, che consisteva nel personale diritto alla riscossione d’una piccola moneta. Ma informato in appresso il principe che tale onoranza fin dal tempo di Filippo Maria era scaduta d’onore ed ora divenuta inutile anzi perniciosa, e molto invisa a tutti gli abitanti della città e del ducato, con decreto del 1 di genajo, 1454, dato in Cremona, gliela ritolse ed abolì, ingiungendo ai competenti magistrati di cancellare ed annullare tutte le condanne dipendenti da quell’onoranza, ovunque si trovassero scritte, senza alcun pagamento di denaro2. Antonio fu costituito procuratore dello Sforza a ricevere dal duca di Modena il territorio di Barbiano nel contado di Cotignola (20 di settembre, 1454). Il prossimo 20 novembre lo vediamo ricevere pel suo signore dal medesimo principe anche il possesso di Castelnuovo e Coriago nel Parmigiano. Da autentici suoi dispacci scorgesi che fin dai primi di genajo del 1458 risiede-

  1. V. Documenti diplomatici tratti dagli archivj milanesi e coordinati dal cav. Luigi Osio. Vol. I.°, parte I.ª, al N.° 179.
  2. V. Regist. del Panigarola. E. fol. 65 verso.