Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

leo ferrero

aria di compatimento. — Ora anche a lei dà noia questa sorveglianza vistosa».

«A me, come le dicevo, non dà nessuna noia...».

«Il Questore le faceva avere che avrebbe potuto avere dei riguardi, vedere se era il caso di levare i carabinieri la notte, se lei gli avesse dato da dormire, perchè son mandati via da dove sono e stanno malissimo, fanno una vita grama».

«Io ho fatto tutto quello che potevo per loro, ma non posso dar loro una stanza che non ho. Ma a me non importa la vistosità. Lei vede benissimo che da dietro la siepe possono fare la sorveglianza come davanti alla siepe».

Usciamo in giardino. Il capo di Gabinetto dice che allora non può dire se acconsentiranno a levarli, perchè se noi non abbiamo una stanza...

Papà dice che non è possibile trovarne una in un paese così colmo di uomini.

«E per fortuna — dico io — che non siamo ancora 60 milioni».


100