Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

leo ferrero


Il pizzicagnolo della nonna da anni faceva da calmiere al borgo vendendo a miglior prezzo. Ora ha adottato i prezzi del calmiere e tutte le misure decretate compresi i cartelli. Oggi (dice Teresa) entra un avventore che chiede mezzo chilo di burro. Un commesso va a cercare una forma in cantina la taglia e la serve. Il cliente, un agente aizzato dai concorrenti, tira di tasca un taccuino: «100 lire di multa per aver venduto del burro da una forma su cui non era apposto alcun cartello».

La balia della Nina voleva portare alla nonna una bottiglia di vin santo. E’ prevenuta che può incorrere in una multa di 2.000 lire. Una nuova legge proibisce ai contadini di vendere direttamente vino, latte, o di regalarne.

La ragione di queste strambe imposizioni? Per far sopportare alle vittime le leggi ingiuste, il fascismo ha trovato questo segreto: perseguitare ugualmente una dopo l’altra tutte le categorie di cit-


122