Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/200

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

leo ferrero

miss Smith riceve la sua solita razione di pane e trova che non è buono. Telefona al Balboni, lagnandosene. «Lei si è sbagliato, mi ha mandato il pane del governo ». Balboni si scusa, le manderà il pane speciale. Cinque minuti dopo arrivano dalla signora Smith due figuri in camicia nera e domandano di lei.

«La signora è nel bagno».

«Esca subito».

La signora Smith esce dal bagno molto seccata.

«Lei ha telefonato a Balboni dicendo che il pane della città è pessimo».

«E’ la verità».

«Questo si chiama disonorare il paese. Noi potremmo mandarla a confino».

«Per fortuna mia — scoppia miss Smith che è assai collerica — sono americana. Se mi fanno delle storie, riparto domani per New York». Pianta in asso le camicie nere e ritorna nel bagno.

Naturalmente non le è stato torto un capello.


180