Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

diario

Due agenti si sono installati davanti al cancello del giardino e seguono papà quando si muove. Papà dichiara che non uscirà più.


20 Dicembre.

Stamane papà trova due agenti in giardino che passeggiano davanti alla casa.

«Via di qua! Chi vi ha dato il permesso di entrare qui dentro?».

«I nostri superiori».

«Violazione di domicilio, articolo 161 del codice penale. I poliziotti hanno il diritto di arrestarmi, di seguirmi ma non di stare nel mio giardino».

«Lei ha ragione. Scriva al Questore, noi saremmo felicissimi di obbedirla, ma questi sono gli ordini».

Papà scrive al Questore e al Prefetto:

«Articolo 161, codice penale. Gli agenti hanno diritto di seguirmi, diritto di arrestarmi, ma non di violare il mio domicilio».


51