Pagina:Ferrero - Meditazioni sull'Italia, 1939.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 meditazioni sull’italia letteraria

verità profonda è sempre paradossale, appunto perchè le verità correnti sono superficiali (e con questo intendiamoci, non voglio dire che ogni paradosso sia una verità profonda). Questa verità dà dunque una scossa che non dà una banalità, la quale, per essere stata cento volte pensata da tutti, ha l’aria d’esser cento volte più vera. Chi predica una banalità ha dunque molto più facilmente successo di chi predica una verità profonda.

— Sí, caro, tutte queste, son cose che si sanno da molto tempo. Veniamo alla conclusione.

— La mia conclusione è questa: che data l’abbondanza e la forza nociva degli stupidi, la civiltà, sviluppandosi, non ha dovuto pensare che a loro; in modo che tutte le manifestazioni, che tu vedi, di questa civiltà, non sono che ripieghi e parafulmini, per risolvere il problema degli stupidi. Degli intelligenti, in ogni maniera se la sarebbero cavata, in modo da fare il proprio vantaggio senza fare del danno al prossimo, che sarebbe poi stato un danno a loro, per riflesso. Ma io dico questo. Che ora, per difendersi dagli stupidi, inquadrandoli, ha finito per dar loro tanta potenza che essi finiranno per distruggere tutti gli intelligenti, o, almeno per metterli nell'impossibilità di operare intelligentemente. Per questo io grido all’arme! Guarda. Da questa finestra puoi vedere un pezzo di città, con delle colline dietro, e l’una e l’altre ti mandano, in questo misterioso fragore di mare che fanno le moltitudini