Pagina:Finazzi - Sulle antiche miniere di Bergamo, 1860.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

29

antichi documenti, il solo breve riassunto che ci fornisce il Celestino sulle fiorenti condizioni di questo ramo d’industria nelle nostre Valli, può bastare ad accennarci quanto a nostri giorni sia scaduto e come potrebbe avviarsi a più prospero stato. «Ne’ Comuni di Gromo, Valgolio e Gandelino si fabbrica, nara egli, ogni sorta di spade, pugnali, cortelle ed arme d’asta; nelle quali entra acciajo e ferro e carbone: e prima si cavano le vene sotto terra nel fine della Valle, le quali sono appropriate parte all’acciajo e parte al ferro: e poi si calano in due forni fabbricati nel comune di Scalve. In sette edifizi di fuochi grossi si lavora il ferro crudo, che deriva dai due forni; ne’ quali fassi acciajo e ferro, sì per le arme, sì per l’acciajo solo, che si manda fuora in cassette. In dodici fuochi minori si lavorano spade, daghe e cortelle; ed ogni fuoco ha un maestro con la servitù di sette o otto persone appresso. In tre o quattro fuochi si lavorano le arme d’asta, con due o tre persone appresso al maestro nella fucina. Ogni fuoco o fucina ha una mola e più per finire le dette arme, ed in ciascuna lavorano due o tre persone. Spade cortelle se ne fabbricano da quattrocento al giorno in tutto; pugnali e daghe da ottocento; ma o queste o quelle solamente. Arme d’asta delle grandi da cinquanta, e delle piccole il doppio al più; ma cesserebbono quelle, perchè gli stessi maestri fanno le une e le altre. Le suddette armi si dispensano in diverse parti, cioè per l’Italia, per la Spagna, per l’Alemagna, e parte per la Francia»1. E anche fino al declinare del passato secolo un Podestà di Bergamo in una sua relazione asseriva: «Fra le altre fu celebre e diramata ad un tempo nella provincia di Bergamo l’arte di costruire l’arme bianche ad uso militare, specialmente nelle terre di Gromo, Valgolio ed altre della Valle Seriana; e potè fornire fino alla metà del pre-


  1. Historia di Bergamo, lib. X;, c. 36.